Incontro con Federico Fubini a Torino

Si è concluso con successo il Festival della Comunicazione 2018
18 marzo 2018
Incontro con Federico Fubini a Genova
26 marzo 2018
 

Federico Fubini
La maestra e la camorrista. Perché in Italia resti quello che nasci

con Francesco Profumo e Danco Singer
il Circolo dei lettori - Torino, 6 aprile 2018, ore 17.30


L’Italia di oggi è un paese pietrificato, con una mobilità sociale bloccata: le imprese sono troppo limitate dalla loro dimensione e cultura familiari; i manager spesso non sono abbastanza preparati, né disposti a reinvestire le risorse nel progresso tecnologico e organizzativo dell’azienda; la forza lavoro è molto meno istruita di quella dei paesi rivali e i governi troppo miopi per riuscire a guidare un deciso adeguamento dei sistemi educativi nel Paese.

In pochi decenni siamo diventati un sistema abitato da famiglie ricche in uno Stato povero, e da milioni di piccole aziende prive dell’ormone della crescita.

 
 

La percezione diffusa della mancanza di opportunità scoraggia i giovani dall’investire su se stessi, ma proprio questo disinvestimento, evidente nelle scelte delle famiglie tanto quanto in uno Stato che taglia sull’istruzione a causa del proprio debito, limita il potenziale di crescita economica del sistema, perpetua l’immobilismo e contribuisce a ridurre la natalità. Una situazione che finisce per disincentivare la creatività e l’aumento di conoscenza.

È da questa amara constatazione che inizia l’inchiesta di Federico Fubini, vicedirettore del Corriere della Sera, condotta nelle imprese a conduzione familiare, nelle scuole e negli asili d’infanzia situati agli estremi contesti della società italiana da Milano a Caserta, da Padova a Napoli, per rispondere a interrogativi cruciali: come mai un Paese a democrazia matura e welfare avanzato come il nostro presenta una tale rigidità sociale? Quali sono le ragioni profonde dell’immobilismo e le sue ripercussioni? È ancora possibile invertire la tendenza?

Tanti gli spunti e le soluzioni pratiche. L’assenza di crescita e di prospettive di ascesa individuale intossica le mentalità radicando la diffidenza e alimentando una spirale verso il basso. Solo chi sente di avere una certa padronanza del futuro decide di investire nel proprio progresso. Di qui l’importanza della fiducia (in se stessi, verso gli altri, nelle istituzioni) come chiave della crescita e il ruolo decisivo dell’ambiente (e la responsabilità della scuola) nel tracciare, fin dalla più tenera età, il successivo percorso di vita degli individui e nel determinare il successo del singolo e il destino di intere comunità nazionali.

Un’indagine descritta con grande efficacia nel libro La maestra e la camorrista (Mondadori) che Federico Fubini racconterà, tra dati statistici ed esperienze reali, venerdì 6 aprile, alle 17.30, presso il Circolo dei lettori di via Bogino 9, Torino, con il presidente della Compagnia di San Paolo, Francesco Profumo, e Danco Singer, direttore di Frame - Festival della Comunicazione.